Il Terrorismo Islamico colpisce a Parigi

Oggi, 7 Gennaio 2015, il fondamentalismo islamico torna a colpire a Parigi, nel cuore dell’Europa. E’ un momento di profondo dolore, in cui non possiamo fare a meno di offrire tutta la nostra solidarietà al popolo francese. La redazione di Charlie Hebdo, il giornale più irriverente di Francia, è stata decimata da due uomini armati di ak-47, entrati negli uffici del giornale urlando “Allah Akbàr”Nei giorni scorsi, Charlie Hebdo aveva pubblicato alcune vignette satiriche su Maometto, attirandosi le ire di buona parte della comunità islamica francese. Pochi mesi fa, la stessa rivista aveva pubblicato anche immagini che mettevano alla berlina cristianesimo ed ebraismo.

Terrorismo Islamico colpisce Parigi

Oltre ai 12 collaboratori della rivista, i terroristi hanno ucciso due poliziotti e altre tre persone nei dintorni della sede. La “grandeur” e il governo Hollande si sono dimostrati del tutto inadeguati a fronteggiare il pericolo islamico, anche perché gli assassini sono stati in grado di colpire in pieno giorno e dileguarsi poi dal centro cittadino quasi indisturbati. L’ISIS sembra oggi in grado di colpire ovunque, anche in pieno territorio europeo, grazie alla forte propaganda via web che permette allo stato islamico di radicalizzare le seconde e le terze generazioni dei nuovi cittadini dell’UE. Quest’oggi abbiamo imparato una lezione, e lo abbiamo fatto nel modo più doloroso: dovremo lottare con tutte le forze per la preservazione dei nostri valori. La libertà di stampa e di satira, anche quando quest’ultima può risultare sgradevole od offensiva, deve sempre essere garantita. Dalla vicenda di Charlie Hebdo dovrebbero trarre insegnamento tutti i paesi europei.

Commenti

commenti

elezioni europee Fabrizio Bertot