Incontro Corea del Nord e Corea del Sud

Storico incontro tra Corea del Nord e del Sud: è tutto oro quello che luccica?

 Storico incontro di “alto livello” tra le Coree, con la presenza di una delegazione del Nord ai giochi olimpici invernali di PyeongChang. Potrebbe essere l’occasione per un importante segnale di distensione, grazie ai primi contatti, dopo un gelo di oltre due anni tra gli emissari dei due governi coreani, ed un lungo periodo di guerra che, tecnicamente, dura da oltre 65 anni. Si riparte dunque da un vero e proprio “telefono rosso”, che per tanto tempo è stato l’unico canale diretto di comunicazione tra le due Coree, disconnesso dal 2015.  “Le parti hanno deciso di discutere temi di tipo operativo con lo scambio di documenti”, ha ribadito Baik Tae-hyun, nella qualità portavoce del ministero dell’Unificazione sudcoreano. Tuttavia, si parlerà anche delle possibili soluzioni per riprendere ufficialmente i rapporti, includendo anche il nodo olimpico. Gli analisti sono cauti: Kim Jong-un non ha sicuramente rinunciato alle provocazioni balistiche e potrebbe lanciare presto un altro missile. Il dittatore potrebbe approfittare della situazione ottenere il sostegno della Corea del Sud, indebolendo così il fronte americano. I rapporti bilaterali tra i Paesi potrebbero davvero migliorare, ma non è detto che ne possa trarre giovamento la situazione di crisi con gli Stati Uniti. I servizi segreti americani, secondo l’autorevole New York Times, hanno ammesso un errore imperdonabile, sottovalutando i test missilistici e non considerando la possibilità, poi concretizzata, che Pyongyang, per il programma missilistico, potesse ricorrere ai mercati esteri: in tal modo, lo sviluppo tecnologico delle armi balistiche ha raggiunto in poco tempo un altissimo livello.   Trump ha tuttavia accolto favorevolmente la notizia dell’incontro, ritenendolo una conseguenza della sua dura linea di governo nei confronti di Pyongyang. Oltre all’evento sportivo, che avrà luogo a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio, il mondo avrà sicuramente un altro valido motivo per tenere gli occhi puntati sulla penisola coreana.

Commenti

commenti

elezioni europee Fabrizio Bertot