I Jihadisti colpiscono ancora i cristiani copti in Egitto

Sempre più spesso come oggi, ci troviamo costretti a un impietosa conta delle vittime cristiane del terrorismo islamico. Ad essere colpiti, ancora una volta, sono i copti d’Egitto. Una gita in pullman a circa 250 km dal Cairo si è trasformata in un vero e proprio incubo per un gruppo di Cristiani copti. Un commando di jihadisti ha fatto irruzione sul mezzo, forzandoli alla conversione. Di fronte al loro rifiuto, gli islamisti hanno aperto il fuoco con gli ak-47, massacrando 35 persone e ferendone diverse decine. Al-Sisi è riuscito a liberare il popolo egiziano dal giogo dell’islamista Mohammed Morsi, ma questo ha provocato una recrudescenza del fondamentalismo, che si è visto defraudato del potere appena ottenuto. Sorprende il sostanziale disinteresse dei media italiani per un evento così grave, proprio in un momento storico in cui sarebbe necessario un approfondimento sulla situazione dei cristiani in Medio Oriente.

Commenti

commenti

elezioni europee Fabrizio Bertot