centrodestra prima coalizione del paese

Elezioni 2018: Il centrodestra è la prima coalizione del Paese

Il centrodestra è la prima coalizione, secondo i dati che potete monitorare qui. Le elezioni politiche hanno evidenziato come gli elettori abbiano dato al centro destra la fiducia necessaria per “rimettere in moto” il Paese. Il crollo di Renzi evidenzia il fallimento politico della sinistra che, dopo anni di Governo, non ha saputo comprendere che si avvicinava l’ora della resa, per certi versi analoga alle altre forze di sinistra nei principali Paesi europei. Gli elettori, stanchi e sfiduciati dal Governo di Renzi e Gentiloni, hanno scelto nella giornata di ieri una nuova politica, meno incline a pavoneggiarsi davanti ai tanti salotti televisivi, nei quali abbondano dibattiti e tecnicismi che spesso annoiano chi guarda. La gente, invece, cerca oggi una politica più vicina ai problemi reali del Paese, disponibile a parlare direttamente o anche sui social network di lavoro, immigrati, decoro delle periferie, contrasto alla microcriminalità. Chi vuole governare il Paese deve oggi dimostrare di saper vivere al fianco degli elettori, ascoltando i loro problemi; le discussioni sulle tematiche più “lontane” come politica economia o situazione delle banche, stanno lentamente lasciando lasciare il passo al buonsenso e alle persone, alle prese con problemi legati alla vita quotidiana. La coalizione di centrodestra , Berlusconi –  Salvini – Meloni creata dalle capacità politiche del Cavaliere, ha saputo imporsi con un programma politico davvero convincente ed è pronto per garantire una rinascita armoniosa del Paese. In attesa dei numeri definitivi, tuttavia, ora si comprende come la vera difficoltà sia quella di creare un Governo stabile. Con la sinistra in fuorigioco, la palla passa ora a centrodestra e Movimento 5 stelle: molto del futuro del Paese dipenderà dalle idee degli eletti e dalle decisioni del Presidente Mattarella, che avrà il compito di verificare, numeri alla mano, chi avrà davvero la possibilità di governare.

Commenti

commenti

elezioni europee Fabrizio Bertot